home Articoli, Surfcasting Una notte di pesca a surf da ricordare – Racconto

Una notte di pesca a surf da ricordare – Racconto

Racconto di pesca di Andrea Indelicato: “Una giornata e una notte di surfcasting da ricordare”

Diamo spazio di seguito al racconto di pesca che ci ha inviato Andrea Indelicato:

“E’ domenica mattina, da qualche giorno studiavo le condizioni meteo in attesa che evolvessero nel migliore dei modi, appena sveglio mi affaccio dal terrazzo e vedo pioggia e cielo nero. Ho deciso, oggi si surfa !!  Sistemo tutto in un attimo, pranzo e di corsa verso lo spot designato, che poi sarebbe la parte iniziale della playa di catania, nei pressi del porto. Quindi eccomi da solo in spiaggia, monto le due canne da rotante, le mantengo distanti fra loro. Il mare non era tanto mosso, quindi i frangenti e quei pochi settori erano distanti e molto “aperti”.

La prima spigola di 1,1 kg pescata da Andrea
La prima spigola di 1,1 kg pescata da Andrea.

Il mare, le esche da surfcasting

Le esche sono rappresentate da strisce di seppia e calamari interi, date le condizioni non troppo turbolenti e la poca corrente laterale, decido di non appesantire troppo le strisce, mi mantengo con finali lunghi dello 0.28 ed ami n°1. Per il calamaro invece gli o’shaughnessy  3/0, su terminale 0.35. Si parte, due canne con striscia di seppia ed una costantemente innescata con i calamari interi per le BIG. Sono le 15:00 circa e sono in pesca, passa un’oretta al massimo e vedo una delle canne innescata con la striscia che faceva strani e piccoli movimenti di vetta, canna in mano ed inizio il recupero, sento un peso ma nulla che mi facesse pensare ad una preda, anzi, siccome avevo recuperato un po di sporcizia, pensavo che potesse essere quello. Continuo il recupero e quando lo shock comincia ad essere visibile vedo che il filo andava in direzione opposta alla corrente  ma allora è lei, quindi tiro fuori una spigoletta di 1.100 kg. Non grande però ci stava tutta per essere la prima del nuovo anno.

Tramonto: continuo a pescare

Inizia il tramonto e continuo a cambiare inneschi e sondare i settori. All’orizzonte si alza un’imponente luna piena non so, ma mi ha fatto ben sperare, speravo che la sua luce potesse rendere più a adescanti i miei inneschi e che influenzasse in maniera positiva la marea,  mi sa che non mi sono sbagliato. Si fanno le 19:00, nel frattempo il vento era calato del tutto,  quando la canna più distante (lanciata in una secca molto fuori) e innescata col calamaro intero comincia a ballare,  mi avvicino alla canna e vedo il mulinello rotante impazzito  mi è venuto qualche dubbio che si trattasse di spigola, ricordava la sfrizionata di un aquila di mare, canna in mano aspetto l’esaurirsi della fuga e comincio a farmi sentire. Frizione tutta chiusa, decido di lavorarmela di polso, sinceramente lei dava del suo, ma con freddezza e calma la porto all’asciutto in due minuti.

Arriva la spigola

Bella, anzi bellissima, soddisfattissimo della pescata chiudo subito tutto, il mare mi aveva dato già troppo e non era giusto continuare. Alla bilancia pesavano rispettivamente 1.100kg e 7.100kg ed entrambe avevano la pancia già vuota. Un saluto a tutti amici”.

Racconto di pesca di una giornata e una notte di surfcasting da ricordare

 

TAGS:

La Redazione di PescaTV.it (sezione pesca mare riva)

La redazione di Pesca Da Riva (del gruppo Pesca TV - http://pescatv.it ) è formata da pescatori, articolisti, fotografi, agonisti della pesca sportiva e videomaker appassionati di pesca. Abbiamo come te a cuore il rispetto della natura e la pratica del nostro passatempo preferito, quello che si fa con canna da pesca e mulinello tra le mani, sapendo di pescare bene ed in maniera etica.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *